Superbonus – Verso l’annullamento della proroga?

Sfuma la proroga del Superbonus al 31 Dicembre 2023 che non arriverà col decreto Sostegni. Si dovrà attendere un nuovo decreto o nel peggiore dei casi la Legge di Bilancio 2022. Per il momento il superbonus non perde la sua fama da detrazione fuffa.

Proposta modifica lista beneficiari

Come ogni detrazione fuffa che si rispetti, non cambia neanche la lista dei beneficiari. Per il momento la richiesta del Senato di estendere l’agevolazione ad alberghi, imprese e professionisti, non vedrà luce e si dovrà attendere un altro provvedimento.

Superbonus – No alla detrazione dell’IVA

L’unica modifica degna di nota alla normativa riguarda all’iva non detraibile, che verrà conteggiata nel tetto di spesa ammesso alla detrazione. Ovviamente è una modifica che non riguarda ai soggetti privati, ma solo ai passivi di iva.

Attendendo le semplificazioni

Sarebbero state molto apprezzate delle procedure semplificate per ottenere il Superbonus, come richiesto dagli addetti ai lavori.
Il senato aveva chiesto di limitare le certificazioni dei professionisti sugli immobili all’indicazione del titolo abilitativo che ne ha previsto la costruzione o del titolo rilasciato in sanatoria.

Tra le proposte infatti, c’era anche la CILA in sanatoria per la sanatoria di piccole opere abusive e quindi non conformi. Questo permette anche l’avvio dei lavori sugli immobili con pratiche di sanatoria pendenti.

Ma anche questo, come il resto dei provvedimenti più importanti, potrebbe arrivare con i nuovi decreti come il Piano di nazionale di ripresa e resilienza (PNRR).

Se vuoi maggiori informazioni sul nostro prodotto contattaci subito per una valutazione gratuita!